Ale & Dany

Tu, la voce ridondante, che sveglia i bimbi nella pancia della mamma
Lei che chiosa ad occhi bassi, con l’aria austera di una vecchia nobildonna
Lei con i capelli lisci, una cascata di acqua morbida e pura
Tu con la testa tutta quanta intorcinata, come un campo dopo l’aratura

Tu ricolmo di entusiasmi ed emozioni, che trasformi ogni cosa in un colore
Lei che osserva stando sempre un po’ in disparte, così discreta e così parca di parole
Tu che suoni la chitarra e che canti con la gola in libertà
Lei che solo quando guida si concede un poco di velocità

Chi lo sa come sarà il bambino
Chi lo sa come sarà il bambino
Sarei proprio curioso di scoprirlo

Tu quasi mitteleuropeo con una strana e misteriosa religione
Lei di ascendenza levantina, mediterranea per le forme e per l’umore
Tu che sei l’imperatore, l’eroe normanno senza macchia e né paura
Lei che tesse la sua tela come una reginetta scura

Ma chissà come sarà il bambino
Ma chissà come sarà il bambino
Sarei proprio curioso di conoscerlo

  • Autore Franco Fosca
  • Anno 2005
  • Decadi
Ale & Dany

Commenti

Qui è possibile commentare questo contenuto. Puoi scrivere un ricordo, segnalare un errore, dare uno spunto o farti un chiacchierata con qualche altro utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *